Vendere o affittare casa: Cosa conviene?




Se sei proprietario di un immobile che non utilizzi ti sarai sicuramente chiesto se ti convenga di più venderlo o affittarlo.

Entrambe le opzioni richiedono un’attenta valutazione e presentano vantaggi e svantaggi.

Di fatto non esiste una decisione migliore in termini assoluti, ma la stessa può variare a seconda delle esigenze, del momento e dei progetti per il futuro.

In generale, vendere è consigliabile quando:

  • È necessario disporre di liquidità per altri progetti o per acquistare una casa più grande.

  • Si desidera liberarsi delle attività legate alla gestione di un immobile e alle spese di manutenzione.

L’affitto è un’opzione da considerare quando:

  • Si desidera contare su un’entrata fissa che possa integrare il reddito.

  • Esiste la possibilità di dover disporre dell’appartamento in futuro per motivi di lavoro, di studio o familiari.

Se ancora sei indeciso su quale sia la mossa da fare, prenditi qualche minuto: questo articolo fa al caso tuo.

Vendere o affittare casa? Verificare l’andamento del mercato della tua città

Secondo gli ultimi dati Istat, nel primo trimestre 2021 l’indice dei prezzi delle abitazioni acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, è aumentato dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% nei confronti dello stesso periodo del 2020.

Questo non significa che il mercato segua lo stesso andamento ovunque, ma è sicuramente consigliabile verificare quale sia la tendenza nella zona in cui si trova il proprio immobile. In alcune regioni/città infatti il mercato è piuttosto stabile (talvolta anche in decrescita), in altre – vedi in particolare la città di Milano – i prezzi sono in crescita.

Facciamo quindi un esempio pratico: se il tuo immobile si trova in una piccola città, lontana dai maggiori poli industriali o universitari, o in località turistiche non troppo frequentate, vendere potrebbe essere l’opzione migliore poiché metterlo a reddito potrebbe risultare difficile e i ricavi potrebbero non essere sufficienti a coprire tasse e costi di manutenzione.

Se il mercato della tua città, al contrario, è in crescita, è possibile ipotizzare di realizzare una cifra maggiore dalla vendita ma va anche considerata la spesa maggiore nel caso l’obiettivo sia quello di acquistare un’altra abitazione.

Se scegli di affittare, attenzione a zona, tasse e spese di manutenzione

Allo stesso modo, il mercato delle locazioni cambia moltissimo a seconda delle regioni e delle città.

Anche in questo caso, è consigliabile quindi verificare prima quali siano le cifre realizzabili ove si decida di mettere l’immobile a reddito.

A fronte delle considerazioni relative all’andamento del mercato, appare quindi chiaro che ci sono luoghi in cui affittare un immobile conviene più che venderlo.

Quali in particolare?

  • le grandi città;

  • i quartieri centrali delle città;

  • zone in cui sono presenti dei poli industriali, università e aziende.

Se la locazione è la strada che hai scelto, sarà necessario considerare alcuni aspetti prima di procedere:

  • le tasse imposte dallo Stato sulle seconde case;

  • le spese per i lavori di ristrutturazione e/o altre spese straordinarie;

  • la selezione attenta degli inquilini.

Tutti questi aspetti vanno tenuti presenti ai fini del calcolo effettivo del reddito ottenibile dalla locazione.

Affitto tradizionale o breve, qual è l’opzione migliore?

Un ultimo aspetto da valutare è quello della durata del contratto di affitto: meglio il cIassico 4+4 o la formula breve tramite piattaforme specializzate?

Anche in questo caso non esiste una risposta standard per tutti, ma la stessa cambierà a seconda delle esigenze del momento.

Per aiutarti, ecco 5 benefici del contratto tradizionale:

  1. Certezza del canone per l’intero anno.

  2. Spese condominiali e Tasi a carico dell’inquilino.

  3. Utenze a carico dell’inquilino.

  4. Agevolazione Imu per residenza inquilino.

  5. Possibilità di una minore pressione fiscale con cedolare secca al 10% contro il 21% previsto sui contratti brevi.

I 5 plus di un affitto breve invece sono:

  1. Nessun rischio di morosità, poiché il pagamento avviene in anticipo.

  2. Poter di fatto disporre dell’immobile quando e come si desidera.

  3. I guadagni: con contratti brevi si può ottenere un guadagno che supera in media del 10/15% i canoni per contratti a lungo termine.

  4. Strategia: se si sta cercando di vendere casa, l’affitto breve risulta una soluzione utile e redditizia nel periodo di attesa.

  5. Zero stress: si può scegliere di far gestire il tutto a professionisti del settore a fronte del pagamento di un forfait che verrà trattenuto direttamente dai canoni percepiti.

Sei ancora indeciso se vendere o affittare casa? Rivolgiti ad una delle s1casa.it sul territorio. Potrai trovare consulenza specifica e supporto professionale per ogni contesto immobiliare.

4 visualizzazioni0 commenti